Top
LA NOSTRA É
PASSIONE
Nuove esperienze per crescere.
STORIA AZIENDALE

La storia delle grandi aziende famigliari è fatta da generazioni che si passano valori, segreti e motivazioni, creando un tesoro di saperi e passione che è la vera ricchezza di chi fa impresa.
Le parole che i Redini si sono tramandati negli anni sono semplici, ma se a esse corrispondono i fatti, potenti: innovazione e affidabilità.
Fu così sin dall’inizio, quando Guido Redini, alla fine della Seconda Guerra Mondiale, cominciò a lavorare in un rinomato calzificio di Castel Goffredo, dove le calze venivano ancora filate nei telai per la tessitura della lana. Poi fu la volta del figlio Luigi, che seguì le orme del padre condividendone l’entusiasmo, e impresse alla storia dell’azienda un’accelerazione decisiva. Luigi fonda infatti negli anni ’50, con il padre e il fratello, la sua prima azienda: la Selvocalze. Siamo alla fine degli anni ’50 e il mercato dei collant è in forte espansione. L’azienda coglie questa grande opportunità implementando la produzione con nuovi macchinari e stabilendo, come spesso capiterà in seguito, nuovi standard qualitativi.

Negli anni, insieme a un maniacale gusto per l’innovazione e l’affidabilità, si farà strada in azienda anche una speciale capacità di interpretare le nuove tendenze, leggendo in anticipo i desideri del consumatore. Di questo talento è dotato Marco Redini, che entra in azienda a metà degli anni ’80, periodo in cui lo sport acquista un ruolo sempre più importante nel mondo dell’abbigliamento.
È l’inizio di una crescita senza precedenti, fondata sullo studio e la scoperta di nuovi materiali innovativi che interessano, soddisfano e incrementano un mercato attento e in continua evoluzione.
La produzione di abbigliamento funzionale, ad alto contenuto tecnico, colloca stabilmente l’azienda ai vertici mondiali del settore, portando riconoscimenti, occupazione e fatturato.
Nel segno del nonno Guido e del papà Luigi, attraverso un sogno di futuro e sperimentazione lungo quasi 70 anni, che promette di sorprendere ancora il mondo.